Curiosità dal web News — 09 dicembre 2015

Essere una libreria indipendente nel 2015 è difficile. Le catene come Feltrinelli, Giunti e Mondadori, con i loro enormi spazi e la differenziazione dei prodotti (non vendono solo libri, ma anche film, pupazzi e, in alcuni casi, cibo) hanno costretto tantissime librerie indipendenti a chiudere i battenti.

Eppure non è così ovunque. C’è una città americana, Washington D.C., che potrebbe trovarsi ad ospitare solo librerie indipendenti. Infatti, secondo il Washington Post, Barnes&Noble, l’ultima catena non affiliata ad un’università, non è riuscita a rinnovare il contratto d’affitto e dovrà chiudere entro il 31 dicembre. L’azienda sta cercando un nuovo spazio ma, dall’anno prossimo, la capitale a-stelle-e-strisce potrebbe non avere una catena di librerie.

Che questa situazione possa durare a lungo è improbabile, tuttavia è un dato che deve far riflettere e induce a pensare che gli abitanti di Washington gradiscano comprare dal librario di fiducia piuttosto che in un luogo che offre più materiale da vendere ma considerato, forse, meno “caldo” e accogliente. Non è una riflessione campata in aria, dopotutto anche Barack Obama sembra preferire le librerie indipendenti; ogni azione del presidente è studiata fin nei minimi dettagli da una squadra di esperti, quindi è lecito pensare che i cittadini americani avrebbero apprezzato di più vedere Obama da Upshur Street Books piuttosto che da Barnes&Noble.

Ora è lecito domandarsi: sarebbe possibile in Italia?

Continua su Cultora

News correlate

Libri, mostre e… yoga. Ecco la biblioteca di Carnago aperta sette giorni su sette

Libri, mostre e… yoga. Ecco la biblioteca di Carnago aperta sette giorni su sette

febbraio 08, 2016
Book Forest, la foresta di libri di Berlino costruita dai tirocinanti

Book Forest, la foresta di libri di Berlino costruita dai tirocinanti

gennaio 05, 2016
Ritratto di una libreria e del suo lettore

Ritratto di una libreria e del suo lettore

novembre 23, 2015

Cercasi Babbo Natale per leggere fiabe ai bambini di Roma. Il compenso? 2000 euro

novembre 12, 2015

Share

About Author

scrivendovolo

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.